Dal Vangelo secondo Filippo

“Condizionamento e manipolazione hanno un solo antidoto: si chiama Conoscenza”.
———————————–
Erano tre (Maria) che andavano sempre con il Signore: sua madre Maria, sua sorella, e la Maddalena, che è detta sua consorte. Infatti era “Maria”: sua sorella, sua madre e la sua consorte.

(dal Vangelo secondo Filippo)
————————————

Le ragioni per cui è stato bandito il Vangelo di Filippo sono evidenti; in esso si dice che con Gesù andavano tre donne di nome Maria: la madre, la sorella e la consorte (Maria Maddalena)!

L’accettazione o il disconoscimento di vari Vangeli da parte della Chiesa e il risultato finale di questa eliminazione è che oggi noi siamo orfani di molte utili e autentiche fonti sulla vita terrena di Gesù.

Pertanto, credo sia necessaria una revisione del Nuovo Testamento includendovi tutti i Vangeli, gli Atti e le Epistole disponibili.

———————————————————————————————–

Chi si loda…

Il termine, o meglio il verbo, “lodare” deriva dal latino “laudare” derivazione di “laus laudis”, cioè «lode»; esso viene comunemente utilizzato per esprimere con parole la propria approvazione per le qualità, gli atti, l’operato o il comportamento d’una persona.
Quando, però, la lode è a se stessi, cioè la persona si fa i complimenti da sola, vantandosi davanti agli altri, la saggezza popolare ricorda e avverte come il soggetto finisca poi facilmente per danneggiarsi.
Il conosciuto detto popolare “chi si loda s’imbroda”, di cui alcuni studiosi attribuiscono l’origine a un vecchio proverbio toscano, è l’espressione sintetica del suddetto comportamento e delle sue naturali conseguenze.
Ciò premesso, mi permetto di esporre il mio personale pensiero in merito che ho piacere di condividere con tutti voi:
“mai vantarsi del proprio essere, ma essere sempre umili, sinceri e leali con gli altri”.
.
E, come diceva Einstein:

“Non cercare di diventare un uomo di successo, ma piuttosto un uomo di valore!”

Concludo con questa citazione attribuita al grande Leonardo da Vinci:
“Molta sapienza genera umiltà,
poca sapienza genera orgoglio:
la spica vuota leva la testa incontro al sole,
la spica piena l’abbassa alla terra sua madre”.
.
.

Ad ognuno il proprio viaggio.
Biagio Russo

———————————————————————————————–

Scienza, sapere, ignoranza.

Diceva il grande Galileo Galilei:

Compito della Scienza non è aprire una porta
all’infinito sapere,
ma porre una barriera
all’infinita ignoranza.”

———————————————————————————————–

C’è sempre tempo, ma…

“Abbiamo abbandonato persone,
abbiamo rinunciato a grandi occasioni,
abbiamo lasciato i nostri progetti più grandi.
Siamo scappati da luoghi, persino dai nostri sogni,
per rimanere in compagnia di ciò che conoscevamo. Perché?
Perché ci dava sicurezza.
Per paura.
Per pigrizia.
Per complesso d’inferiorità verso gli altri e verso la vita.

Il peggio, in tutto questo, è che
abbiamo rinunciato alla nostra parte migliore,
abbiamo abbandonato la nostra anima e la nostra stessa vita.

Tutto questo solo per non aver osato,
per non aver creduto,
per non aver permesso.

A scuola si dovrebbe insegnare una materia importantissima:
realizzazione di sé e dei propri sogni!
Ma c’è ancora tempo, qui e ora!

————————————————————————————–

La verità

“Non troverai mai la verità, se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspettavi di trovare.”
(Eraclito)

Non mi stancherò mai di dirlo, certamente non avremo mai la certezza della verità, nessuno la possiede, ma già scartare tutto quello che non lo è costituisce di sicuro un grande passo avanti!
(Biagio Russo)

 

 

 

 

 

 

 

 

—————————————————————–

Dell’Invidia

Il termine “invidia” proviene dal latino invidia, derivazione di invĭdus da IN – VIDERE, cioè “invidiare”, di cui IN è sopra, e VIDERE è vedere, guardare; perché l’invidioso guarda con occhio bieco e iroso l’altrui felicità, in ogni campo, e bada a tutti i difetti ed alle piccole cose di quello a cui porta invidia per fargliene debito, nella consapevolezza che non potrà essere mai alla sua altezza, come lui.

L’invidia – Giotto

In effetti l’invidia è quel sentimento spiacevole che si prova per un bene o una qualità altrui che si vorrebbero per sé, accompagnato spesso da avversione e rancore per colui che invece possiede tale bene o qualità.

In sintesi, l’invidia è tristezza e dolore che provano alcuni al vedere l’altrui bene, l’altrui felicità.

Certe persone non ti odiano perché hai fatto qualcosa di male, ma semplicemente perché hai fatto qualcosa meglio di loro. Ma perché?
La risposta non è esplicitamente riportata nei periodi precedenti, c’è molto di più ed è nel profondo di codeste persone, così definite, invidiose.

Diceva Oscar Wilde:
“L’invidia è quel sentimento che nasce nell’istante in cui ci si assume la consapevolezza di essere dei falliti.”
Bhè, c’è andato giù un po’ duro, ma vicino.
L’atteggiamento da parte della persona invidiosa genera un degrado spirituale, un’energia pesante e negativa. Ci sono segni da notare quando sei invidiato e quindi  “derubato”energicamente. Sensazioni fisiche come la stanchezza che sorge dal nulla, angoscia come se fossi minacciato, un terrore non identificato.

Tu comunque…
Sii accorto. Distanziati da codeste esistenze.  Non tentare di cambiarle, non ci riuscirai, devono farlo da sole – chissà se mai ce la faranno. Questo è nell’Ordine delle cose.
Proteggiti!
Devi lavorare sulla tua autostima, sul tuo atteggiamento interiore e quello emotivo;
devi possedere te stesso lavorando sulla tua fiducia in ciò che sei e ciò che desideri;

altrimenti, le tue carenze energetiche diventano un portone d’ingresso facile da varcare e questa energia invidiosa può farti del male.
Quando ti senti più sicuro di te, provi un benessere gratificante e risparmi più energia.

Fai le tue scelte e sopportane le conseguenze, la tua energia sarà tutta tua e sarai…
Irremovibile.

———————————————————————————————–

“Dialogando con…” da Polis Notizie Network

Ringrazio di cuore la gentile Dott.ssa Maria Pia Iurlaro, Direttore editoriale della POLIS NOTIZIE Network – WebTv, di Bari, per l’interesse ai miei studi e per il gradito invito a dialogare con lei in merito alle mie pubblicazioni edite dalla Drakon edizioni.

Quando…

“Quando ti senti triste…
Siediti e dai pacche alle tue gambe, ti ricorderà com’è il battito del tuo cuore.

Quando non capisci nulla…
Accendi una candela o un incenso, arriverà chiarezza alla tua anima.

Quando hai paura…
Entra in contatto con la natura, chiudi gli occhi e riceverai la tranquillità che emana dalla sua essenza.

Quando senti attaccamento…
Dillo al fuoco, è maestro a trasmutare stati d’animo.

Quando ti senti bloccato…
Parla con tua sorella acqua, lei sa di movimenti, scorre e non si aggrappa a nulla.

Quando i tuoi pensieri non ti lasciano mai…
Presta attenzione al tuo respiro, ti ricondurrà al momento presente.

Quando perdi la tua connessione…
Parla con te, con il tuo io superiore, lui ti ricorderà da dove vieni.

Quando senti i desideri di morire…
Parla con la terra, lei sa di rinascite.

Ma non sentirti mai solo.
Sei accompagnato dagli astri, dalla natura, dagli altri che usano un costume proprio come te per vivere su questa terra.
Connettiti con la natura.”
—————————–

Connettiti con il Cielo, connettiti con Tutto.
Connettiti con te.

Grazie Nimue

Le civiltà dei grandi fiumi

Perché queste civiltà, distanti anche migliaia di chilometri l’una dall’altra, sorsero tutte lungo grandi corsi d’acqua come il Nilo, il Tigri e l’Eufrate, il Giordano, l’Indo, il Fiume Giallo e il Fiume Azzurro?

Innanzitutto, il fiume era un’enorme riserva d’acqua dolce, necessaria per bere, lavarsi, preparare i cibi.
Inoltre, la presenza d’acqua in abbondanza permetteva di coltivare la terra e allevare gli animali. Fu proprio per questi motivi che alcune popolazioni nomadi, che fino ad allora avevano vagato per quei territori alla continua ricerca di cibo, decisero di fermarsi e abitare stabilmente quelle zone. Nacquero così i primi villaggi e, in seguito, le prime città e i primi stati. Il fiume, inoltre, rappresentava una formidabile via di comunicazione, che venne sfruttata per spostarsi e scambiare i prodotti locali con quelli dei popoli vicini. Oltre allo sviluppo dell’agricoltura e dell’allevamento del bestiame, quindi, il fiume permise anche lo sviluppo delle prime forme di commercio.

 

Ebrei ispirati dai Sumeri

La scoperta di tradizioni identiche, ma antecedenti alla teologia israelita, dimostra l’ebreizzazione di antichi miti. “Tutte le leggende mesopotamiche circolavano anche nella terra di Canaan prima dell’invasione ebraica”, afferma nella sua indagine critica lo studioso E. Lipinsky.
Per dovere di cronaca storica, i Sumeri non possono aver influenzato gli Ebrei direttamente, molto semplicemente perché essi cessarono di esistere molto prima della comparsa degli Ebrei.
Ciò premesso, non c’è dubbio, però, che i Sumeri influenzarono profondamente i Cananei, che precedettero gli Ebrei in quella terra che divenne nota più tardi con il nome di Palestina, nonché, ovviamente, i loro vicini, come gli Assiri, i Babilonesi, gli Ittiti, gli Urriti e gli Aramaici.
Il resto è storia.