La filosofia ermetica

“Le labbra della saggezza sono aperte solo alle orecchie della comprensione”
Kybalion

Le dottrine esoterice e occulte che, per secoli, hanno lasciato la loro impronta nel pensiero filosofico dei polopi di tutto il mondo trattono radici nell’antico Egitto.
Qui, tra piramidi e sfingi, nacquero le dottrine mistische della sapienza eterna, dalle cui fondamenta derivò ogni altro insegnamento proveniente dall’India, Persia, Caldea, Media, Cina, Giappone, Babilonia, antica Grecia e Roma.
Tutti si nutrirono del frutto del sapere che i grandi maestri della terra di Iside, già Ishtar per i Babilonesi e Inanna per i Sumeri, avevano accumulato per millenni e tramandato a coloro che erano in grado di comprenderlo.
Dall’epoca del grande Ermete, nessun sapiente è riuscito a raggiungere le vette della saggezza dei maestri dell’antico Egitto, dove si trovava la grande Loggia delle logge della mistica.
E’ dal quel sacro tempio che giunsero i neofiti, i quali, divisi in gerofanti, maestri e adepti, vagarono poi nel mondo portandol con sé tutto il retaggio della sapienza occulta per rendrne partecipi coloro che erano pronti a riceverlo.
A dessi e ai loro meriti si rivolge, tuttora con riverenza, ogni studioso di scienze occulte.
Sebbene i maestri dell’antico Egitto fossero grandi, uno solo di essi meritò l’appellativo di “Maestro dei maestri”. La memoria di quest’uomo, se di “uomo” si tratta, si perde nella notte dei tempi. Egli è noto come Ermete Trismegisto ed è considerato il padre della scienza occulta, nonché il fondatore dell’astrologia e dell’alchimia.
Non si conosce con esattezza la sua vita, anche se, già da miglialia di anni, diversi paesi si contendano il privilegio di avergli dato i natali.
La sua ultima incarnazione sembra essere avvenuta in Egitto, in una data che risale alle più remote dinastie di quel paese, assai prima della venuta di Mosé. Altre fonti narrano che sia stato contemporaneo di Abramo, di cui forse fu maestro. Secondo la tradizione, la sua esistenza terrena durò trecento anni, poi passò a un altro piano di vita e fu deificato: divenne così il dio Thoth, identificato poi dai greci come Ermete, dio della saggezza.
Per inciso, nell’oriente persiano, secondo Zaratustra (Zarathustra – Zoroastro; tra il XVIII secolo a.C e il XV secolo a.C.) Ahura Mazda era il dio della saggezza, una divinità che troviamo ben oltre 3.000 anni prima in Sumer relativamente a Enki o Ea per i babilonesi.
Gli egiziani lo adorarono per secoli chiamandolo “Scriba degli Dèi” e restituendogli il titolo di “Trismegisto” o “Tre Volte Eccelso” o “Grande dei Grandi”.
Presso ogni popolo, il suo nome fu sinonimo di “Fonte di Saggezza”.

(cfr. Il Kybalion)

CHE SIA DI RIFLESSIONE…

Quando si avvicinava la sua morte, Alessandro il Grande fece tre richieste ai suoi ministri:

1) Che la sua bara fosse portata dai migliori medici dell’epoca.

2) Che i tesori che aveva venissero sparsi lungo il cammino che portava alla tomba.

3) Che le sue mani restassero fuori dalla bara e alla vista di tutti.

I ministri, sorpresi, domandarono il motivo di queste richieste, ed egli rispose:

1) Voglio che i medici migliori portino la mia bara per dimostrare che non hanno alcun potere sulla morte.

2) Voglio che il terreno sia coperto dai miei tesori perché tutti possano vedere che i beni materiali qui conquistati qui restano.

3) Voglio che le mie mani restino fuori dalla bara di modo che le persone possano vedere che siamo arrivati a mani vuote e ce ne andiamo a mani vuote.

(c) Biagio Russo
Che sia di Riflessione.

ASTROLOGIA KARMICA – Segno zodiacale “Scorpione”

Tantissimi auguri a tutti coloro che sono nati sotto il segno dello “Scorpione”.
Questa è la loro “missione”.

ASTROLOGIA KARMICA
(Martin Schulman)
La Missione dello Scorpione
(23 ottobre – 22 novembre)

Fu di mattina quando Dio si trovò con i suoi dodici figli di fronte a Sé e piantò il seme della Vita in ognuno di loro.
Uno a uno, tutti i figli si avvicinarono per ricevere il dono concesso.

“A te Scorpione, affido il compito di purificare ed eliminare gli ostacoli.

Dovrai rimuovere e far morire tutto ciò che impedisce la realizzazione del mio piano, affinché sia dato spazio a tutto ciò che è puro e nobile. Così comincerai da te stesso: imparerai a morire e rinascere dalle tue ceneri; poi insegnerai all’uomo a fare altrettanto. Affinché tu possa assolvere il tuo compito, ti dono i talenti della volontà, dell’intuizione e della rinascita. Usali con amore e non dimenticare che intolleranza, eccessivo individualismo e passioni incontrollate saranno grandi ostacoli lungo il tuo viaggio”.

E con aria di mistero, Scorpione ritornò al suo posto.

Al termine dello Zodiaco, rivolgendosi a tutti quanti, Dio disse:

«Ciascuno di voi ha avuto per compito una parte del mio Piano.
Non ingannatevi pensando che la vostra parte ne rappresenti la totalità.
Solo quando troverete la Scintilla Divina,
il tesoro di luce che ho nascosto nei vostri cuori,
capirete che i Dodici sono Uno
e che ognuno di voi è integro e perfetto.
Solo in quel momento il mio Piano vi si svelerà in tutta la sua interezza e il suo splendore».

Una volta lasciato a sé stesso, ogni figlio decise di mettere a buon frutto il dono ricevuto, ma nessuno dei dodici capì né il proprio dovere, né il proprio dono.
Quando molto imbarazzati tornarono da Dio, questi disse loro:

«Credete tutti che il dono dell’altro sia più prezioso del vostro. Vi permetto dunque di scambiarli».

E per un istante ogni figlio conobbe l’estasi prospettando tutte le possibilità della sua nuova missione.

Ma Dio sorrise e disse:

«Tornerete da Me parecchie volte per chiederMi di liberarvi dalla vostra missione e ogni volta esaudirò il vostro desiderio. Voi attraverserete un gran numero di incarnazioni prima di compiere la missione iniziale prescritta da Me ad ognuno di voi. Vi concedo un tempo infinito per assolverla, ma potrete stare con Me solo quando ciò sarà compiuto».

 

 

Il pensiero di Giordano Bruno sulle Donne.

Torno a scongiurarvi tutti in generale…
che dismettiate quella rabbia contumace e quell’odio tanto criminale contra il nobilissimo sesso femenile; e non ne turbate quanto ha di bello il mondo, e il cielo con suoi tanti occhi scorge. Ritornate, ritornate a voi, e richiamate l’ingegno, per cui veggiate che questo vostro livore non è altro che mania espressa e frenetico furore.
Chi è più insensato e stupido, che quello che non vede la luce? Qual pazzia può esser più abietta, che per raggion di sesso, esser nemico all’istessa natura….

ASTROLOGIA KARMICA – Segno zodiacale “Bilancia”

Tantissimi auguri a tutti coloro che sono nati sotto il segno della Bilancia.
Questa è la loro “missione”.

ASTROLOGIA KARMICA
(Martin Schulman)
La Missione della Bilancia
(23 settembre – 22 ottobre)

Fu di mattina quando Dio si trovò con i suoi dodici figli di fronte a Sé e piantò il seme della Vita in ognuno di loro.
Uno a uno, tutti i figli si avvicinarono per ricevere il dono concesso.

“A te Bilancia, affido il compito di valutare e scegliere ciò che è utile alla realizzazione del mio piano.
Dovrai valutare ciò che serve e ciò che non serve e, infine, scegliere ciò che è utile far continuare.
E’ un compito difficile e delicato, ma affinché tu lo possa assolvere ti dono i talenti dell’equilibrio, della lucidità di giudizio e del senso della bellezza.
Usali con saggezza, senza farti lacerare dal mare di dubbi senza fine.

Ricorda che indecisione, compromesso e accondiscendenza saranno gli ostacoli che incontrerai lungo il tuo cammino”.

E Bilancia, con rara grazia, ritornò al suo posto.

Al termine dello Zodiaco, rivolgendosi a tutti quanti, Dio disse:

«Ciascuno di voi ha avuto per compito una parte del mio Piano.
Non ingannatevi pensando che la vostra parte ne rappresenti la totalità.
Solo quando troverete la Scintilla Divina,
il tesoro di luce che ho nascosto nei vostri cuori,
capirete che i Dodici sono Uno
e che ognuno di voi è integro e perfetto.
Solo in quel momento il mio Piano vi si svelerà in tutta la sua interezza e il suo splendore».

Una volta lasciato a sé stesso, ogni figlio decise di mettere a buon frutto il dono ricevuto, ma nessuno dei dodici capì né il proprio dovere, né il proprio dono.
Quando molto imbarazzati tornarono da Dio, questi disse loro:

«Credete tutti che il dono dell’altro sia più prezioso del vostro. Vi permetto dunque di scambiarli».

E per un istante ogni figlio conobbe l’estasi prospettando tutte le possibilità della sua nuova missione.

Ma Dio sorrise e disse:

«Tornerete da Me parecchie volte per chiederMi di liberarvi dalla vostra missione e ogni volta esaudirò il vostro desiderio. Voi attraverserete un gran numero di incarnazioni prima di compiere la missione iniziale prescritta da Me ad ognuno di voi. Vi concedo un tempo infinito per assolverla, ma potrete stare con Me solo quando ciò sarà compiuto».

 

ASTROLOGIA KARMICA – Segno zodiacale “Vergine”

Tantissimi auguri a tutti coloro che sono nati sotto il segno della Vergine.
Questa è la loro “missione”.

ASTROLOGIA KARMICA
(Martin Schulman)
La Missione della Vergine
( 24 agosto – 22 settembre)

Fu di mattina quando Dio si trovò con i suoi dodici figli di fronte a Sé e piantò il seme della Vita in ognuno di loro.
Uno a uno, tutti i figli si avvicinarono per ricevere il dono concesso.

«A te Vergine, affido il compito di prestare cura e attenzione alla mia creazione.
Osservala, analizzala in ogni sua parte e custodiscila con amore, difendendo la sostanza spirituale che in essa si nasconde.
Impara anche a non perderti in ciò che è parziale dimenticandoti di ciò che è intero.
Affinché tu possa adempiere il tuo compito, ti dono i talenti dell’attenzione, dell’accudimento e dell’efficienza.
Non permettere però che pignoleria, ossessività e ipercriticismo diventino ostacoli così grandi da inaridire il tuo cuore e la tua anima».

E Vergine, con discrezione, ritornò al suo posto.

Al termine dello Zodiaco, rivolgendosi a tutti quanti, Dio disse:

«Ciascuno di voi ha avuto per compito una parte del mio Piano.
Non ingannatevi pensando che la vostra parte ne rappresenti la totalità.
Solo quando troverete la Scintilla Divina,
il tesoro di luce che ho nascosto nei vostri cuori,
capirete che i Dodici sono Uno
e che ognuno di voi è integro e perfetto.
Solo in quel momento il mio Piano vi si svelerà in tutta la sua interezza e il suo splendore».

Una volta lasciato a sé stesso, ogni figlio decise di mettere a buon frutto il dono ricevuto, ma nessuno dei dodici capì né il proprio dovere, né il proprio dono.
Quando molto imbarazzati tornarono da Dio, questi disse loro:

«Credete tutti che il dono dell’altro sia più prezioso del vostro. Vi permetto dunque di scambiarli».

E per un istante ogni figlio conobbe l’estasi prospettando tutte le possibilità della sua nuova missione.

Ma Dio sorrise e disse:

«Tornerete da Me parecchie volte per chiederMi di liberarvi dalla vostra missione e ogni volta esaudirò il vostro desiderio. Voi attraverserete un gran numero di incarnazioni prima di compiere la missione iniziale prescritta da Me ad ognuno di voi. Vi concedo un tempo infinito per assolverla, ma potrete stare con Me solo quando ciò sarà compiuto».

 

 

LA RICERCA DELLA VERITA’ – Il peccato originale

Da YouTube – “Biagio Russo – Canale ufficiale”

Una produzione Andreaggi Film
A cura di Lorenzo Andreaggi & Mario Mariani
Musica di Cesare Carotenuto

LA RICERCA DELLA VERITA’
con BIAGIO RUSSO
Ricercatore e saggista
Autore del libro “Schiavi degli Dei” e “Uomini e Dei della Terra”.
(c) Drakon edizioni 2010-2016


Il peccato originale

 

“Adamo ed Eva sono nati contemporaneamente”

ADAMO ED EVA SONO NATI CONTEMPORANEAMENTE

“Staccò quattordici pani d’argilla,e ne mise sette alla sua destra,
e gli altri sette alla sua sinistra.
Dei quattordici stampi
riuniti dalla saggia Esperta:
sette avrebbero prodotto maschi
e gli altri sette, femmine.”

Questo brano è estratto da un importantissimo testo accadico, ma con forti connotazioni sumeriche, dal titolo Il Poema di Atrahasis o Grande Saggio – 1636 a.C.

È impossibile, se non per pura distrazione, non riscontrarlo in un  altro importante documento scritto, però, ben circa 1200 anni dopo: la Bibbia, in Genesi 1,27, in cui troviamo questo passaggio:

27 Dio creò l’uomo a sua immagine;
a immagine di Dio lo creò;
maschio e femmina li creò

Peccato che nelle funzioni religiose, nostrane e non, si faccia riferimento solo e soltanto a Genesi 2, 21-23, cioè alla creazione della Donna dalla costola di Adamo. Io un sospetto ce l’avrei.
Ci sarebbe ancora da dirne, ma ne ho fatta ampia trattazione nel mio primo libro, quindi mi fermo qui, ma non prima di aggiungere che, fonti di studi scientifico-antropologici di matrice CNR e Science, asseriscono che quando pensiamo ai nostri più antichi progenitori, non dobbiamo pensare a una coppia i cui figli hanno popolato il mondo. Non erano l’unico uomo e la donna in vita al momento o le uniche persone ad aver procreato. Questi due individui semplicemente hanno avuto la fortuna di tramandare con successo parti del loro Dna alla maggior parte di noi, mentre il materiale genetico di altri nostri antenati è in gran parte scomparso a causa della selezione naturale e di altri processi.

Concludo con una delle mie massime:
“L’antidoto al condizionamento è sulla strada maestra della ricerca delle origini, quelle origini lontane che si raggiungono solo conducendo una rigorosa ed impegnativa opera di eliminazione delle impurità che ne hanno corrotto il significato antico.
L’antidoto è la Conoscenza.”
————————————
Perché noi non abbiamo commesso nessun Peccato Originale.
Perché la Conoscenza genera la Consapevolezza, “apre gli occhi” e la mente e ci rende meno manipolabili!

(cfr. Biagio Russo – Schiavi degli Dei – l’alba del genere umano
(c) Drakon edizioni 2010)

 

Quando operate una scelta — qualsiasi essa sia…

Che vi piaccia o no, tutto quello che accade in un determinato momento è il risultato di scelte precedenti.
Sfortunatamente molti le operano senza rendersene conto e perciò non le considerano tali, anche se in realtà lo sono.
Se io vi insultassi, molto probabilmente vi offendereste; se vi facessi un complimento, molto probabilmente ne sareste contenti o lusingati.
In entrambi i casi, se riflettete, fareste una scelta.
Potrei insultarvi e voi potreste scegliere di non offendervi; potrei farvi un complimento e voi potreste scegliere di non prenderlo in considerazione.
In altre parole, molti di noi — anche se continuano a fare un’infinità di scelte — reagiscono solo in base a riflessi condizionati, scatenati continuamente dalle persone e dalle circostanze e trasformati in comportamenti prevedibili. Tali riflessi ricordano quelli studiati da Pavlov, famoso per aver dimostrato che se a un cane viene somministrato del cibo ogni volta che suona un campanello, entro breve tempo incomincia a salivare non appena sente il trillo, perché associa uno stimolo a un altro.
La maggior parte delle persone sviluppa, per effetto dei riflessi condizionati, risposte ripetitive e prevedibili agli stimoli dell’ambiente in cui si trova. Le reazioni individuali vengono, a quanto pare, innescate automaticamente dalle persone e dalle circostanze; in realtà, esse costituiscono le continue scelte che nella vita operiamo inconsciamente.
Se per un istante osservate dall’esterno il processo decisionale nel momento stesso in cui effettuate una scelta, la trasportate dal livello inconscio a quello conscio. Questa procedura vi consente di ottenere una grande quantità di energia.

Quando operate una scelta — qualsiasi essa sia — ponetevi due interrogativi:
1. Quali sono le conseguenze della scelta che mi accingo a fare?
In cuor vostro le saprete subito individuare.
2. La scelta che mi accingo a compiere porterà la felicità a me e a quelli che mi circondano?

Se la risposta è positiva, la scelta va attuata;
se, al contrario, vi suscita angoscia per voi stessi o per quelli che vi stanno vicino, rinunciateci: è tutto così semplice.

Tra le innumerevoli scelte che si presentano ogni secondo, ne esiste una sola capace di generare la felicità per noi e per gli altri.
La scelta giusta porterà a una forma di comportamento definita «giusta azione spontanea», ovvero l’azione giusta al momento giusto, la risposta adatta a ogni situazione, l’azione che arricchisce l’individuo e tutti coloro che ne vengono influenzati.

L’universo si avvale di un meccanismo molto interessante che aiuta l’uomo a fare spontaneamente le scelte opportune e che è regolato dalle sensazioni corporee. Il nostro corpo avverte infatti due tipi di sensazioni: di benessere e di disagio.
Al momento di compiere una scelta cosciente, concentratevi sul vostro corpo e chiedete a esso:
Cosa succede se effettuo questa scelta? Se avvertite una sensazione di benessere, la scelta è giusta;
in caso contrario, è inadeguata.

Sebbene per alcuni le sensazioni di benessere e di disagio siano localizzate nell’area del plesso solare, per gran parte degli individui esse vengono percepite nella regione cardiaca.
Concentrate la vostra attenzione nell’area del cuore, interrogatelo sul da farsi e aspettate che vi dia una risposta: una risposta fisica, sotto forma di sensazione, anche se estremamente lieve.

(cfr. Deepak Chopra)

ASTROLOGIA KARMICA – Segno zodiacale “Leone”

Tantissimi auguri a tutti coloro che sono nati sotto il segno del Leone.
Questa è la loro “missione”.

ASTROLOGIA KARMICA
(Martin Schulman)
La Missione del Leone
( 23 luglio – 23 Agosto)

Fu di mattina quando Dio si trovò con i suoi dodici figli di fronte a Sé e piantò il seme della Vita in ognuno di loro.
Uno a uno, tutti i figli si avvicinarono per ricevere il dono concesso.

«A te, Leone, io do il compito di mostrare agli occhi del mondo lo splendore della Mia Creazione. Devi però diffidare dell’orgoglio e sempre ricordare che si tratta della Mia Creazione, non della tua. Se lo dimenticherai, gli uomini ti disprezzeranno. Troverai grandi gioie nella missione che ti affido se la compirai alla perfezione. Per questo devi possedere il dono dell’Onore».

E il Leone tornò al proprio posto.

Allora Dio disse:

«Ognuno di voi possiede una parte del Mio Pensiero. Non dovrete sbagliare nella sua interpretazione né desiderare il dono dei vostri fratelli. Ognuno di voi è perfetto, ma lo saprete solo quando sarete Uno. Allora sarà rivelato ad ognuno di voi il Mio Pensiero nella sua completezza».

Una volta lasciato a sé stesso, ogni figlio decise di mettere a buon frutto il dono ricevuto, ma nessuno dei dodici capì né il proprio dovere, né il proprio dono.

Quando molto imbarazzati tornarono da Dio, questi disse loro:

«Credete tutti che il dono dell’altro sia più prezioso del vostro. Vi permetto dunque di scambiarli».

E per un istante ogni figlio conobbe l’estasi prospettando tutte le possibilità della sua nuova missione.

Ma Dio sorrise e disse:

«Tornerete da Me parecchie volte per chiederMi di liberarvi dalla vostra missione e ogni volta esaudirò il vostro desiderio. Voi attraverserete un gran numero di incarnazioni prima di compiere la missione iniziale prescritta da Me ad ognuno di voi. Vi concedo un tempo infinito per assolverla, ma potrete stare con Me solo quando ciò sarà compiuto».