Onesto o…? Come scoprirlo

Il termine “onesto” deriva dal latino honestus, derivazione di honosoris cioè “onore”.

Si attribuisce a persona che agisce con onestà, lealtà, rettitudine, sincerità, in base a principî morali ritenuti universalmente validi, astenendosi da azioni riprovevoli nei confronti del prossimo, sia in modo assoluto, sia in rapporto alla propria condizione, alla professione che esercita, all’ambiente in cui vive.

E’ in questo contesto che possiamo affermare che:
– onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità…
– disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero.
Guardatevi bene da quest’ultimo, spesso è un manipolatore che pensa solo a se stesso e, comunque sia, non ha nulla da offrire di suo.