La nostra mente e la nostra coscienza: tecniche manipolatorie di comunicazione. La vendita.

Cos’è l’AIDA?
Per molti è il titolo di una delle più belle opere del Maestro Giuseppe Verdi, ambientata in Egitto.
Bellissima opera anche sotto l’aspetto dei costumi e della scenografia.

Aida
Scena dall’AIDA di Giuseppe Verdi

Per pochi, però, questo termine rappresenta un acronimo, come W VERDI, che a metà del 1800, in quella che non era ancora l’Italia, era una maniera “subdola” per proteggersi dalle sanzioni degli invasori. L’acronimo storico, rivolto al grande Maestro emiliano, nascondeva un incitamento alla costituzione di un regno, quello d’Italia: W V_ittorio E_manuele R_e D’I_talia.
Ma l’acronimo oggetto di questo articolo ha un significato e una vibrazione molto, molto più bassa; fa parte del panorama “marketinghiano” e si presta moltissimo alla manipolazione delle menti:
A = Attenzione
 I  = Interesse
D = Desidero
A = Azione.

Aida
E se a esso si antepone la “P”, di “Paura”, il gioco è fatto; la tecnica di condizionamento delle masse acquisisce un’efficacia elevatissima!
Ma se ne sei a conoscenza il suo effetto è ZERO.
Usiamo la testa, non facciamocela usare!

Biagio Russo

Tecniche manipolatorie di comunicazione
Articoli correlati
Il consenso
La vittima